“Sicuramente c’era un elemento di pericolo…”

Il fotografo di Getty Images Chris Trotman ha fotografato centinaia di edizioni della NASCAR, ma non aveva mai assistito a una scena come questa.

“Nella fotografia sportiva è fondamentale essere al posto giusto nel momento giusto ed essere pronto a scattare: non sai mai quale momento eccezionale stai per immortalare.”

Il giorno in cui ha scattato questa foto, che è stata inserita di diritto nel volume di Getty Images Year In Focus del 2015, Trotman stava fotografando i pit stop dei leader della gara, la NASCAR Sprint Cup Series alla Pocono Raceway. Quando ha sentito che il campione della NASCAR Sprint Cup 2012 Brad Keselowski stava per entrare nel box, si è messo in posizione proprio di fronte alla zona di pit stop.

“L’auto di Brad entrò sfrecciando nel box, i suoi freni si bloccarono e finì per piombare addosso alla sua pit crew,” racconta Trotman. “La persona del team dedicata alla ruota anteriore sinistra dovette saltare per evitare che gli venisse tranciata una gamba e, quasi elegantemente, atterrò sul cofano della macchina. La ruota che portava con sé rimbalzò sul cofano e finì a circa 70 metri da lì, lungo il percorso per arrivare al pit.”

Il volo che fece il jackman (la persona addetta a sollevare l’auto per consentire il cambio delle gomme) non fu altrettanto elegante.

“Rimase agganciato all’auto e finì gambe all’aria insieme al cric che portava,” racconta. “Fu una fortuna che quel cric di metallo da oltre dieci chili non gli finì sulla testa.”

Dopo l’incidente, Keselowski mise subito la retromarcia, il suo team si rimise in piedi e finì il pit stop. Poi sgommò via, scusandosi con il suo team via radio. Finì che arrivò secondo, dietro a Matt Kenseth.

“Fortunatamente, nessuno si è fatto male,” dice Trotman. “I ragazzi del team di solito sono ex atleti e quindi sono molto in forma e con ottimi riflessi.”

“Sicuramente c’era un elemento di pericolo e le persone erano scioccate e spaventate quando le gomme hanno iniziato a fumare e i ragazzi del team sono saltati in aria,” dice. “Ma quell’emozione si è subito trasformata in grande eccitazione per aver assistito a un momento incredibile e per essere stati così fortunati da essere nel posto giusto al momento giusto.”

Trotman sapeva di aver immortalato un momento unico e scattò una splendida sequenza di fotografie, ma sapeva anche, grazie ai suoi 20 anni di esperienza come fotografo sportivo, che ci potrà sempre essere un momento ancora più speciale in futuro.  Lasciò velocemente la memoria della sua fotocamera agli Editor e poi tornò velocemente sul circuito per prepararsi al prossimo scatto.

“Devi sempre essere pronto,” dice. “Qualcosa di inaspettato può succede in una frazione di secondo.”

 

Guarda tutte le migliori fotografie sportive del 2015. Sfoglia il nostro Year In Focus, disponibile su iBooks.