Durante il suo vagare nel mezzo del Mar dei Caraibi, mentre osservava la sua modella riprendere fiato tra uno scatto e l’ altro, Tyler Stableford si è detto: “Ho appena fatto il passo più lungo della gamba”.

Il fotografo di avventure pluripremiato era volato a Cancun, Messico, con la sua famiglia per fare il servizio fotografico dei suoi sogni, ovvero una donna che graziosamente danza sott’acqua tra gli squali balena.

“Credo che creare un legame tra un essere umano che danza e una tale creatura esotica in una location altrettanto esotica sia un modo per scoprire la fluidità del rapporto tra umani e animali” ha dichiarato. “Inoltre conferma il mio convincimento della nostra connessione universale in questo mondo. Volevo provare a far emergere tutto questo in una serie di immagini e momenti catturati nel tempo”.

Per raggiungere la visione artistica di Tyler, la modella, un’ex nuotatrice professionista, ha dovuto nuotare con vigore in direzione degli squali per poi immergersi negli abissi ad essi sottostanti, ancor prima di poter iniziare a posare. Come se non fosse sufficientemente complicato, ha dovuto immergersi senza maschera o attrezzatura subacquea.

Nel frattempo a Tyler si presentò il problema di posizionarsi dietro la pinna dello squalo con la sua attrezzatura, una Canon 5D Mark III con lente 14 mm e custodia AquaTech. I movimenti rapidi ed irregolari dello squalo, uniti alla risacca creata dalle loro code, hanno reso praticamente impossibile allineare la modella e lo squalo nello stesso fotogramma. Finalmente, quando entrambi il fotografo e la modella sono riusciti a posizionarsi, Tyler ha avuto solo pochi secondi per scattare la foto prima che  l’aria nei polmoni finisse.

“Il nostro giorno di prova è stato davvero difficile”, ha dichiarato. “Pensavo che non sarei mai riuscito a completare il servizio fotografico e che non avrei fatto un solo scatto valido”.

Nel giorno del vero servizio fotografico, la fortuna gli ha invece fatto l’occhiolino. Tyler e la sua co-regista, Kate Rolston, hanno catturato otto differenti situazioni dove ogni cosa ha funzionato a perfezione. “Credo davvero che ci sia stata un’assoluta convergenza di magia ed armonia” ha dichiarato Tyler. “Abbiamo speso ogni grammo di energia, pianificato tutto quello che si poteva per almeno cinque ore a mollo”.

Il risultato del loro duro lavoro ha creato una serie di immagini di una bellezza incantevole. Ancora più impressionante è che le fotografie siano riuscite a catturare tutti momenti reali: né la posizione dello squalo, né quella della modella sono state manipolate nella post-produzione.

“Il progetto è riuscito davvero meglio di quanto potessi immaginare” ha dichiarato. ” Eravamo motivati a dare il massimo, al limite delle nostre possibilità fisiche ed artistiche. È stato davvero meraviglioso vedere cosa sono riuscito a fare, aprendomi interamente ad un progetto artistico così personale. Mi ha sorpreso l’alto livello artistico che io, e veramente, tutti quanti, siamo riusciti a creare, impegnandoci al massimo in un progetto così grande e rischioso.

 

Scopri il video del dietro le quinte per saperne di più sul servizio fotografico con gli squali balena.